4 Importante Aree della Persona, che si possono potenziare Grazie alla Musica 

11.08.2022

Introduzione:

Ascoltare la musica è qualcosa che è condiviso da tutte le culture. Lo stile, il messaggio e lo scopo possono cambiare, ma la presenza è costante. 

La musica si è sviluppata prima del linguaggio come mezzo per trasmettere sentimenti, comunicare e condividere esperienze. Molte persone credono che la musica possa cambiare il loro umore. 

La reazione alla musica può variare in base al motivo per cui la si ascolta in quel momento. Le persone usano la musica per motivazione, rilassamento, concentrazione e persino come terapia 

La maggior parte ha una canzone che li farà piangere, una canzone che può sollevarli o una canzone che può farli 'pompare' per una grande competizione. 

Diversi generi musicali provocano reazioni diverse nel cervello. La musica heavy metal potrebbe farti battere il cuore e darti energia mentre la musica sinfonica potrebbe rallentare il tuo battito cardiaco e calmarti. 

Oltre ad essere udibilmente piacevole, la musica può avere molti effetti positivi sul cervello umano. 

Gli effetti sul cervello spesso si traducono in cambiamenti fisici. La musica influisce sulle emozioni, sulla salute, sui cambiamenti fisici, sull'apprendimento e sulla cognizione.

Emozione:

Platone riteneva che la musica suonata in modi diversi avrebbe suscitato emozioni diverse. 

La missione centrale della musica è riportarti a un momento intimo e personale. 

La maggior parte dei nostri ricordi ha emozioni legate a quei momenti, rendendo l'emozione stessa un innesco per la memoria. 

Le canzoni che fanno emergere una certa emozione possono anche far emergere un ricordo legato alla stessa emozione. 

La canzone in sé non ha necessariamente bisogno di relazionarsi direttamente con la memoria, ma in alcuni casi succede. Come accennato in precedenza, la musica evoca emozioni negli esseri umani. 

La musica può rendere felici le persone; la musica può rendere le persone tristi; la musica può emozionare le persone; la musica può rendere le persone tranquille.  


Scopri Il mondo del Benessere Musicale

Il modo in cui la musica fa questo è attraverso gli accordi e le note all'interno delle canzoni. Un accordo maggiore tende ad una rappresentazione di felicità e tranquillità mentre un accordo minore potrebbe indirizzarci verso dimensioni nostalgiche o malinconiche. 

Una persona non ha bisogno di essere educata alla musica per notare e apprezzare accordi diversi. Ecco perché la musica è così universale. Il tempo o meglio il movimento nel tempo è un'altra componente di questo concetto di universalità, la musica più lenta sembra meno 'festosa' dei ritmi più veloci. Questo ci ricorda che anche la parola movimento è una parte significativa dell'e- motion. 

Ma il modo in cui reagiamo alla musica può cambiare nel tempo. Poiché le nostre preferenze per la musica cambiano nel tempo, la musica riceve una reazione diversa. Una canzone che una volta ci eccitava ora ci potrebbe far riflettere sui tempi passati. 


Il cervello e la cognizione:

La musica provoca un rilascio di dopamina nel cervello, facendo sentire felice una persona. Spesso, quando il cervello acquisisce familiarità con una canzone, richiede un rilascio anticipato di dopamina in previsione di una canzone o di un accordo. In altre parole, solo pensare alla musica ha un impatto positivo sul cervello. 

La musica rafforza anche il cervello creando e mantenendo connessioni neurali all'interno e tra gli emisferi. I due emisferi stanno lavorando insieme. La musica utilizza l'emisfero destro per apprezzare il ritmo, i modelli, il timbro, le armoniche e le risposte emotive e utilizza l'emisfero sinistro per comprendere le strutture analitiche e formali. 

Mentre ascoltare musica attiva gran parte del cervello, fare musica è ancora meglio. Attiva quasi tutta la corteccia cerebrale oltre a tutte le 'porzioni' attivate semplicemente ascoltando la musica

Oltre a una maggiore attività, la partecipazione alla musica migliora lo sviluppo e l'efficienza del cervello. La ragione di questo miglioramento nello sviluppo e nell'efficienza del cervello è che la capacità del cervello aumenta perché le sinapsi sono rafforzate. 

Per quantificare questa scoperta, i neuroscienziati hanno completato scansioni cerebrali del cervello di musicisti professionisti e hanno scoperto che hanno il 130% in più di materia grigia: regioni del cervello coinvolte nel controllo muscolare e nella percezione sensoriale come la vista e l'udito, la memoria, le emozioni, la parola, il processo decisionale e l'autocontrollo.


Articolo curato da Simone Rizzardi Founder di MusicoTerapiaViva.it - CHI SONO?

"Il potere della Musica è una realtà che abbraccia la Scienza del Suono e della Relazione"

LAVORA CON ME: Scopriamo come poter Integrare la Musica nel tuo Ambito di LAVORO


Benefici alla salute:

Ci sono stati molti benefici per la salute legati alla musica, come il sollievo dallo stress, dai pensieri depressogeni e dalla solitudine. Sebbene la musica abbia un impatto su persone di tutte le età, gli adulti e le persone anziane considerano la musica un modo importante per mantenere l'autostima, sentirsi competenti e indipendenti ed evitare sentimenti di solitudine e isolamento. 

Questo può essere molto importante quando si cerca di riprendersi da un danno neurologico. Uno studio ha esaminato gli effetti della musica durante la fase iniziale di un ictus. Oltre ad essere una piacevole attività per il tempo libero, la musica trasmette una delle esperienze sensoriali, motorie, cognitive ed emotive più potenti e sfaccettate per il cervello umano. Dopo un ictus, molte di queste funzioni sono ridotte, limitando il tipo di terapia a disposizione del paziente. 

L'ascolto della musica influenza il nostro sistema nervoso autonomo e i sistemi neuroendocrini stimolano e migliorano le nostre prestazioni mentali in molti compiti cognitivi diversi, dando al paziente un modo per migliorare senza gravare fisicamente la mente o il corpo.  

Nello studio, i pazienti si sono impegnati in un ascolto musicale regolare e autodiretto durante la prima fase post-ictus ed è stato riscontrato che la musica migliora il recupero cognitivo e previene l'umore negativo. 

La maggior parte delle canzoni che i pazienti hanno scelto avevano testi e componenti musicali, che aiutavano ad attivare entrambi i lati del cervello. La musica coinvolge e facilita un'ampia gamma di funzioni cognitive, costruendo connessioni perse e rafforzando quelle indebolite. 

L'aumento dell'attività cerebrale provoca cambiamenti nell'attività elettrodermica, cardiovascolare e respiratoria. Questi cambiamenti migliorano la salute generale del paziente che a sua volta può migliorare il suo stato emotivo.

La Musica strettamente legata alle emozioni e all'eccitazione, fa emergere ricordi positivi del loro passato. È stato riscontrato che la musica piacevole/rilassante abbassa i livelli di cortisolo a seguito di un trigger di stress.

Percorsi di musicoterapia hanno evidenziato abbassamenti nei sintomi depressivi e nelle situazioni di ansia.

Un potenziamento del sistema immunitario è un ulteriore vantaggio, in quanto offre ai pazienti una ulteriore difesa psicofisica.


LE RISORSE GRATUITE DI MUSICOTERAPIAVIVA per iniziare un PERCORSO NEL MONDO delle Possibilità Benefiche con e per la Musica

Apprendimento:

Via via che i benefici della musica vengono ulteriormente esplorati, le connessioni con l'apprendimento sono state confermate e rafforzate. La musica allegra/positiva porta a una spinta di energia, preparando il cervello all'apprendimento

Consentire agli studenti di ascoltare la musica prima di una lezione può aiutarli a prepararsi mentalmente e a rimanere coinvolti per un periodo di tempo più lungo. Inoltre, il genere strumentale/calmante porta a un comportamento più contenuto e concentrato. 

Ci sono molti casi nelle classi in cui gli studenti sono irrequieti e distratti, soprattutto provenienti dai momenti della ricreazione o dall'educazione fisica. L'integrazione della musica può aumentare l'attenzione degli studenti e la produttività/efficacia complessiva della classe. È vero che le preferenze musicali differiscono per tutti, ma gli effetti della musica legati ai parametri ritmico\melodici hanno una ampia matrice universale.  

L'apprendimento avviene con i neuroni attivati ​​e la musica attiva milioni di neuroni nel cervello umano. L'attivazione di questi neuroni avvia l'apprendimento in una modalità facilitante per accogliere nuovi eventi. Non esiste un centro musicale del cervello, ma esiste un cervello musicale, il che significa che la musica attiva più aree del cervello.

La musica strumentale fornisce un tappeto di fondo per attutire le distrazioni senza togliere la capacità del tuo cervello di comprendere ciò che viene letto e studiato. Oltre a fornire un supporto, la musica stimola il cervello e aumenta la capacità del cervello di elaborare le informazioni dei testi. 

La velocità di lettura può anche essere aumentata con l'aggiunta alla musica a causa di una combinazione dei vantaggi sopra menzionati. Sulla base dei risultati attuali e dell'aspettativa di dati futuri concorrenti, la musica può diventare un'aggiunta fondamentale all'apprendimento e agli studenti.

FONTI: "Ashford University." Ashford University, 7 June 2017, Collins, Anita. "How Playing an Instrument Benefits Your Brain." TED, TED Conferences, July 2014,
Foran, Lucille M. "Listening to Music: Helping Children Regulate Their Emotions and Improve Learning in the Classroom." Educational Horizons, 2009, pp. 51-58.
Trimble, Michael, and Dale Hesdorffer. "Music and the brain: the neuroscience of music and musical appreciation." BJPsych international vol. 14,2 28-31. 1 May. 2017

Conosci MusicoterapiaViva.it?

Vieni a trovarmi sul sito, troverai articoli e una Sezione Gratuita di materiali tra cui un corso Gratuito sull'Ascolto Attivo Sonoro

Se ti è stato utile questo articolo

potrai trovare altri approfondimento sul BLOG MUSICOTERAPIAVIVA

Simone Rizzardi, Founder di MusicoTerapiaViva.it

Musicoterapista, Operatore e Consulente nel Benessere del suono.

Esperto di applicazioni della musica in contesti Clinici e di Crescita personale. Musicista

e appassionato della Valorizzazione dei Talenti delle persone