Musicoterapia e Autismo: tutta la Verità grazie alla Ricerca

15.09.2022

4 Ricercatori, 39 Studi, 1774 Partecipanti

Musicoterapia per bambini con disturbo dello spettro autistico e/o altri disturbi dello sviluppo neurologico: UNA REVISIONE SISTEMICA

4 Ricercatori del Dipartimento di Psicopatologia dell'Infanzia e dell'Adolescenza, Ospedale Universitario di Amiens, Francia , hanno condotto questa ricerca  globale per arrivare a conclusioni scientificamente provate e risultati che possano definire le linee guide di interventi sensati e contestualizzati.

"Abbiamo cercato nei database Cochrane, PubMed e Medline dal gennaio 1970 al settembre 2020 per rivedere tutti i risultati empirici, misurando l'effetto della musicoterapia su bambini\adolescenti (max 18 anni) 

con ASD (Disturbo dello Spettro Autistico), disabilità intellettiva (ID), disturbo della comunicazione (CD), disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria (DCD), disturbo specifico dell'apprendimento e disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD)." 

RISULTATI: Trentanove studi ( N = 1.774 partecipanti) sono stati inclusi in questa revisione (ASD: n = 22; ID: n = 7; CD e dislessia: n = 5; ADHD: n= 5 studi).

Sono state utilizzate due musicoterapie principali: la musicoterapia 'educativa' e la musicoterapia 'improvvisativa'. (chiariremo sotto i significati e principi)

Articolo curato da Simone Rizzardi Founder di MusicoTerapiaViva.it 

CHI SONO?

Un effetto positivo della musicoterapia 'educativa' sui pazienti con ASD è stato riportato nella maggior parte degli studi controllati, in particolare in termini di produzione del linguaggio.


Un effetto positivo della musicoterapia 'improvvisativa' è stato riportato nella maggior parte degli studi controllati, in particolare in termini di funzionamento sociale. Il sottogruppo di pazienti con ASD e ID ha avuto un tasso di risposta più elevato.

*Mancano dati per i bambini con altri NDD (disturbo dello sviluppo Neurologico), sebbene le prove preliminari sembrino incoraggianti per la musicoterapia' educativa' nei bambini con dislessia.


Scopri Il mondo del Benessere Musicale


RIASSUNTO: La musicoterapia 'improvvisativa' nei bambini con NDD sembra rilevante per gli individui sia con ASD che ID. 

Dovrebbero essere incoraggiate ulteriori ricerche per esplorare se le abilità linguistiche orali e scritte possono migliorare dopo la musicoterapia educativa, poiché i dati preliminari sono incoraggianti.

salta direttamente ai risultati della ricerca oppure continua a leggere...

INTRODUZIONE:

La nuova sezione dei disturbi dello sviluppo neurologico (NDD) nel DSM-5 comprende i disturbi psichiatrici con esordio nella prima infanzia.

L'espressione clinica di tutte le NDD è strettamente correlata alle dinamiche evolutive del bambino.

Diversi meccanismi possono spiegare le anomalie strutturali nelle strutture cerebrali riportate nella maggior parte dei pazienti con NDD: 

-conseguenze dei fattori di rischio perinatali, 

-maturazione cerebrale anormale e conseguenze della mancanza di opportunità di utilizzare le aree funzionali. 

La sezione NDD del DSM-5 include disturbo dello spettro autistico (ASD), disabilità intellettiva (ID), disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD), disturbi della coordinazione dello sviluppo (DCD), disturbi della comunicazione (CD) (incluso linguaggio, disturbi fonologici , e disturbi pragmatici della comunicazione sociale e balbuzie) e disturbi specifici dell'apprendimento (DSA) (caratterizzati da difficoltà persistenti nell'apprendimento delle abilità accademiche fondamentali di lettura, scrittura o matematica).


Interventi terapeutici per ASD 

L'ASD è caratterizzato da due dimensioni principali: 

un deficit nella comunicazione e nelle interazioni sociali reciproche e 

una restrizione degli interessi con comportamenti ripetitivi e stereotipati.

Oltre ai sintomi principali dell'ASD, vale la pena indagare altre dimensioni dello sviluppo per documentare i problemi associati (funzionamento intellettivo, disturbi della modulazione sensoriale, difficoltà linguistiche, abilità motorie, difficoltà di attenzione, regolazione emotiva, condizioni mediche associate (p. es., convulsioni), alimentazione, e dormendo). 

Tali approcci integrativi aiutano i medici e specialisti a fornire interventi su misura. 

Sono state distinte tre categorie di interventi terapeutici per bambini con ASD: 

1. I metodi comportamentali puri [ad esempio, Applied Behavior Analysis (ABA)] si basano su un'analisi completa dei comportamenti dei bambini per promuovere comportamenti ben adattati basati sul rinforzo positivo (e non solo). 

Alcuni metodi comportamentali si basano sulle preferenze del bambino, come il pivotal response training (PRT). Alcuni di questi programmi coinvolgono i genitori, come il programma Son Rise , che si svolge a casa.

2. I metodi di sviluppo mirano a promuovere il processo di sviluppo (es. floor time o Early Start Denver Model -ESDM). In questi programmi, il terapeuta parte dagli interessi del bambino e ne segue le iniziative per promuovere la performance comunicativa utilizzando le capacità di imitazione e sincronia. Alcuni di questi metodi includono tecniche comportamentali, come ESDM.

3. I metodi misti (ad es. Trattamento ed educazione dei bambini autistici e portatori di handicap nella comunicazione -TEACCH) mirano a ridurre i comportamenti problematici in un approccio comportamentale tenendo conto del livello di sviluppo specifico del bambino. La guida dei genitori è un aspetto essenziale di questi programmi per consentire la generalizzazione delle competenze emergenti del bambino nel suo ambiente naturale .


Questi metodi abbracciano le difficoltà primarie incontrate dai pazienti con ASD nell'interazione sociale e nella comunicazione, in particolare l'attenzione congiunta, l'imitazione, la sincronia, la condivisione emotiva e il gioco simbolico. 

I predittori della risposta terapeutica dei pazienti con ASD a questi interventi includono: -interventi intensivi (almeno 3-4 ore al giorno), 

-interventi forniti in tenera età, 

-interventi su misura per le esigenze di sviluppo del paziente, 

-interventi che promuovono l'inclusione familiare e la comunicazione spontanea con coetanei e 

-interventi con valutazione ripetuta degli obiettivi terapeutici in base ai progressi del bambino.

*[predittori = (medicina) segni di una probabile eventuale variazione della cura e/o della reazione del paziente riguardo alle evoluzioni terapiche].

LAVORA CON ME: Scopriamo come poter Integrare la Musica nel tuo Ambito di LAVORO


Interventi terapeutici per altri NDD 

I bambini con ID richiedono un approccio globale con interventi che promuovono le capacità cognitive e l'autonomia. La maggior parte degli autori raccomanda una regolare valutazione multidimensionale delle abilità cognitive, educative, socio-emotive e adattive per tutta la vita. 

Di solito fornisce una migliore comprensione di come le persone con ID funzionano .

 L'obiettivo relativo all'approccio terapeutico è quello di contribuire alla pianificazione di strategie più appropriate per l'apprendimento, la cura e il supporto, che portino a una migliore qualità della vita e alla partecipazione nella società. 

Vengono forniti programmi specifici in base ai livelli di sviluppo dei bambini, al carico familiare e ai fattori eziologici (ad es., farmaci antiepilettici in caso di crisi epilettiche). Gli interventi forniti a scuola o in istituzioni specializzate svolgono un ruolo chiave nel migliorare i risultati pedagogici e accademici. Anche un intervento specifico di logopedisti, terapisti occupazionali, specialisti della lettura può mirare a una funzione specifica.

Per altri NDD, gli approcci terapeutici mirano direttamente alla funzione compromessa: logopedisti per bambini con disturbi della comunicazione, specialisti della lettura per bambini con difficoltà di linguaggio scritto e terapisti occupazionali per bambini con disturbi motori. I bambini con ADHD possono trarre beneficio dalla correzione dell'attenzione e dalla terapia cognitiva. L'ADHD è anche l'unico NDD per il quale sono disponibili farmaci efficaci (p. es., metilfenidato).

Musico-terapia

Dalla scena biblica del David che suona l'arpa al rituale Gnaoua in Maghreb, in tutte le culture sono riportate testimonianze aneddotiche dell'effetto curativo della musica

Nella storia della psichiatria, la musica è stata una componente del trattamento morale propugnato da Pinel nel diciottesimo secolo. 

Poiché la musica rimane un aspetto dell'ambiente e della terapia occupazionale dei pazienti che ricevono cure ambulatoriali per condizioni di salute mentale croniche. 

È dopo la seconda guerra mondiale che la musicoterapia è diventata una psicoterapia strutturata in Nord America per curare i veterani. Nordoff e Robbins hanno creato un metodo strutturato noto come "musicoterapia creativa" basato sul principio di una componente relazionale della musica.

Tra le musicoterapie esiste una distinzione tradizionale tra tecniche di musicoterapia ricettiva (basate sull'ascolto) e tecniche di musicoterapia attiva (basate sulla produzione del suono mediante voce, percussioni corporee o uso di strumenti).

Questa distinzione è stata messa in discussione perché l'ascolto può coinvolgere anche una componente attiva.

La ricerca attuale distingue solitamente tre tecniche: ascolto musicale, musicoterapia interattiva e musicoterapia improvvisativa.

La musicoterapia interattiva è essenzialmente un metodo strutturato che include tecniche per scopi educativi o giochi musicali. Per chiarezza, in questo articolo verrà utilizzato il termine musicoterapia 'educativa' per questa categoria.

La musicoterapia 'improvvisativa' utilizza la produzione musicale dei bambini per promuovere la comunicazione spontanea non verbale


Poiché la distinzione tra queste categorie è al quanto arbitraria, esiste anche una categoria di metodo misto.


LE RISORSE GRATUITE DI MUSICOTERAPIAVIVA per iniziare un PERCORSO NEL MONDO delle Possibilità Benefiche con e per la Musica

Musicoterapia per pazienti con ASD e/o altri NDD:

Il particolare interesse per la musica dei pazienti con autismo era già stato notato nella descrizione storica di Kanner . 

Ha osservato che alcuni pazienti non verbali sono in grado di cantare o canticchiare. 

Alcuni altri pazienti sono in grado di riconoscere melodie complesse. Sono state documentate diverse ragioni per l'ipotesi che la musicoterapia rappresenti un utile trattamento aggiuntivo nei giovani con autismo. 

La musicoterapia è considerata un 'modo' per promuovere la comunicazione preverbale attraverso il miglioramento dell'attenzione articolare, dell'imitazione motoria e, in definitiva, del ritmo sincrono. La musicoterapia è stata utilizzata anche per potenziare alcune funzioni cognitive, come l'attenzione o la memoria

Poiché a un certo punto vengono spesso segnalate menomazioni nelle interazioni sociali anche in giovani con altri NDD, vale la pena indagare sugli effetti della musicoterapia nei pazienti con queste altre condizioni. In questa recensione, abbiamo mirato a rivedere le prove che esaminano l'uso della musicoterapia nei giovani con ASD e/o altri NDD.

Musicoterapia per bambini con ASD 

Musicoterapia Educativa

( n = 272)

Dieci studi hanno valutato gli effetti della musicoterapia educativa nei giovani con ASD: cinque studi non controllati e sette studi controllati.

Gli autori hanno osservato un piccolo effetto dell'intervento sul punteggio della Social Responsiveness Scale (SRS) (parziale N 2 = 0,29) entro i 4 giorni successivi all'ultima sessione. 

Altri studi hanno valutato l'effetto della musicoterapia educativa su altre dimensioni dello sviluppo

Quattro studi hanno valutato il beneficio della musicoterapia educativa sull'attenzione congiunta. L'attenzione congiunta è stata valutata con video di interazioni adulto-bambino raccogliendo dati sui comportamenti di puntamento direzione dello sguardo verso un oggetto/persona e reazioni spontanee o in risposta a comportamenti degli adulti.

Paolo et al. suggerisce un effetto positivo delle direttive cantate durante attività diverse rispetto alle direttive parlate sulle analisi grafiche. 

Pasali et al. ha valutato l'effetto della musicoterapia sulle diverse componenti dell'attenzione utilizzando il TEA-Ch (Test dell'attenzione quotidiana per i bambini) nei giovani con ASD. Gli autori hanno riferito che i giovani con ASD che hanno ricevuto musicoterapia hanno ottenuto prestazioni più elevate nell'attenzione selettiva e divisa rispetto al basale. 

Un altro studio ha valutato l'effetto della musicoterapia sul riconoscimento delle emozioni nei giovani con ASD. Katagiri ha esaminato se una melodia di pianoforte congruente con la valenza emotiva di un'espressione facciale presentata con un'immagine o un disegno ha influenzato l'esecuzione di un compito di riconoscimento emotivo. Gli autori non hanno ottenuto risultati significativi.

Cibriano et al. hanno valutato due diversi interventi di musicoterapia nei disturbi motori di giovani pazienti con ASD. Il risultato riportato suggerisce un effetto positivo della musicoterapia sulla coordinazione e sulla sincronizzazione dei tempi.


Infine, cinque studi hanno valutato i benefici della musicoterapia educativa sulle abilità linguistiche e comunicative 

In questi studi, la lingua è stata valutata utilizzando diversi metodi: elenco di nuove parole apprese , produzione verbale spontanea e numero di parole riportate dai genitori

 Quattro studi su cinque hanno mostrato risultati statisticamente significativi. 

Secondo Buday, i giovani con ASD che hanno imparato un elenco di parole con musica ritmica hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai giovani che hanno partecipato alle sessioni usando il solo ritmo ( d = 0,30). 

Farmer ha osservato una tendenza nei bambini con ASD che hanno ricevuto un intervento con giochi musicali strutturati a esprimere risposte verbali più appropriate rispetto ai bambini che hanno ricevuto un intervento con giochi non musicali. 

Lim ha mostrato che l'uso di video musicali ha facilitato l'apprendimento delle parole target ( d = 1,28) nei bambini con autismo rispetto a quelli in un gruppo di controllo che non ha ricevuto l'intervento. 

Lo stesso team ha dimostrato che le istruzioni di canto ispirate al metodo ABA hanno esercitato un effetto positivo sull'apprendimento delle parole target rispetto a un gruppo di controllo che non ha ricevuto alcun intervento. 

Un'analisi delle traiettorie di apprendimento ha mostrato progressi più rapidi nel gruppo con la musicoterapia.

Musicoterapia d'improvvisazione

( n = 578)

Uno studio non controllato e otto studi controllati hanno valutato l'effetto della musicoterapia improvvisativa sui giovani con ASD . 

Thompson, McFerran ha misurato gli effetti delle sessioni di musicoterapia improvvisativa a domicilio, inclusi i membri della famiglia, sulla gravità dei sintomi clinici e sul livello generale di funzionamento dei giovani con ASD. Gli autori hanno notato che i giovani che hanno partecipato a sessioni di musicoterapia (senza famigliari) avevano un punteggio più basso sulla scala Vineland ( d = 1,96) rispetto al gruppo di controllo che ha ricevuto l'attuale standard di cura. 

Sharda et al. ha descritto gli effetti positivi delle sessioni di musicoterapia improvvisativa rispetto alle sessioni di gioco sul livello di pragmatica del linguaggio (Children's Communication Checklist-2, punteggio CCC-2) e sulla qualità della vita, 

Rabeyron et al. hanno documentato un miglioramento clinico più elevato nell'outcome primario (cambiamento nell'impressione clinica globale, CGI, punteggio, d= 0,75) dei giovani che hanno partecipato a sessioni di musicoterapia improvvisativa rispetto ai giovani che hanno ricevuto un intervento con sessioni di musicoterapia d'ascolto. 

I cambiamenti osservati negli esiti secondari (cioè, Childhood Autism Rating Scale, CARS e Autism Behavior Checklist, ABC, punteggi) non erano significativamente differenti tra i due gruppi dopo le sessioni di musicoterapia. 

Kim et al. hanno osservato un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia sull'attenzione articolare e sui comportamenti prosociali. L'impatto della musicoterapia improvvisativa sulle abilità sociali è stato contraddittorio: due studi hanno mostrato un miglioramento della Social Skills Improvements System Rating Scale dopo sessioni di musicoterapia, mentre non sono state riscontrate differenze significative in un altro studio Gattino et al. non hanno riscontrato alcuna differenza statisticamente significativa nel punteggio CARS tra il gruppo che riceveva la musicoterapia e il gruppo che riceveva il trattamento abituale.

Lo studio di Bieleninik et al. merita maggiore attenzione, poiché lo studio ha incluso 364 giovani pazienti con ASD in 9 diversi paesi. Non hanno osservato differenze significative nell'Autism Diagnostic Observation Schedule (ADOS) o nel punteggio SRS (outcome primari) a 2, 5 e 12 mesi tra i tre bracci: trattamento come al solito, musicoterapia non intensiva e musicoterapia intensiva . 

Tuttavia, hanno identificato alcune differenze nei punteggi per le sottoscale SRS, con un miglioramento maggiore nel punteggio per la sottoscala della motivazione sociale del gruppo di musicoterapia a 12 mesi e nel punteggio per la sottoscala dei manierismi autistici a 5 mesi

Musicoterapia per bambini con altri NDD

Disabilità intellettiva ( n = 361)

Cinque studi non controllati e due studi controllati hanno valutato l'effetto della musicoterapia sui giovani con ID. 

Due studi hanno mostrato un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia sulle interazioni genitore-figlio, con un aumento delle richieste spontanee da parte del bambino e delle risposte dei genitori adattate comportamenti più sincroni tra genitori e figli e un miglioramento dei genitori salute mentale. 

Ziga et al. hanno anche riportato un miglioramento delle capacità socioemotive dei bambini che hanno partecipato a sessioni di musicoterapia mista, tra cui canto, ballo e teatro.

 Mendelson et al. ha documentato un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia educativa erogate in classe sulle interazioni tra pari durante le sessioni. Tuttavia, questo effetto è stato osservato solo nei soggetti che hanno partecipato a un programma di 15 settimane e non nei partecipanti che hanno ricevuto un intervento più breve di 7 settimane.

Per quanto riguarda gli studi controllati, Aldridge et al.  hanno sottolineato l'importanza del miglioramento della coordinazione occhio-mano

Duffy e Fuller  hanno rilevato un avanzamento in termini di imitazione, vocalizzazione, inizio dell'interazione, contatto visivo e turnazione tra i bambini che hanno ricevuto musicoterapia


Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività ( n = 443)

Tre studi non controllati e due studi controllati, hanno valutato l'effetto della musicoterapia sui giovani con ADHD. Questi studi hanno presentato distorsioni metodologiche significative. Lo studio più ampio ( n = 268) si è basato su un questionario somministrato a musicoterapisti. 

Rothmann et al. hanno mostrato miglioramenti significativi nei test delle prestazioni attenzionali e nella qualità della vita dopo la musicoterapia tra i bambini con sospetto ADHD rispetto a quelli che hanno ricevuto cure abituali. 

Montello e Coons hanno suggerito che le sessioni di musicoterapia educativa a scuola che utilizzano i ritmi sono associate a una maggiore attenzione e motivazione ea una diminuzione dell'ostilità nei bambini con problemi comportamentali sulla base dei rapporti degli insegnanti.


Disturbi della comunicazione e Disturbi Specifici dell'Apprendimento (Dislessia) 

( n = 120)

Quattro studi sono stati condotti su giovani con dislessia e uno studio è stato condotto su giovani con ritardo del linguaggio. Due studi non controllati hanno esaminato l'effetto della musicoterapia educativa sui bambini con dislessia. Overy ha riportato un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia a scuola sulla capacità di lettura in nove bambini con dislessia. Habib et al. hanno documentato un miglioramento in diversi domini della competenza linguistica scritta in 12 bambini con dislessia dopo sessioni di musicoterapia, come la percezione fonologica, la ripetizione di pseudoparole, la lettura delle parole e l'attenzione uditiva.

Sono stati condotti due studi randomizzati controllati per documentare l'effetto della musicoterapia educativa sui bambini con dislessia. Registrati et al. hanno osservato un miglioramento dei punteggi dei test di comprensione del vocabolario e della lettura nei bambini con difficoltà di lingua scritta che hanno partecipato a sessioni di musicoterapia a scuola rispetto ai bambini che hanno partecipato a un programma tradizionale per difficoltà di apprendimento. 

Flaugnacco et al. hanno scoperto che i bambini con dislessia che hanno partecipato a sessioni di gruppo di musicoterapia a scuola presentavano una maggiore consapevolezza fonologica e capacità di lettura (per accuratezza ma non velocità) rispetto ai bambini che avevano partecipato a sessioni di pittura nello stesso periodo.

 Gli autori hanno notato che la percezione del ritmo durante le sessioni era un predittore di una risposta positiva al trattamento.

Infine, uno studio non controllato ha valutato l'effetto della musicoterapia improvvisativa su 18 bambini con ritardo del linguaggio. Gli autori hanno osservato un aumento significativo dell'età evolutiva (in particolare memoria fonologica e comprensione delle frasi) dopo un programma di musicoterapia improvvisato individuale di 6 settimane.

Conosci MusicoterapiaViva.it?

Vieni a trovarmi sul sito, troverai articoli e una Sezione Gratuita di materiali tra cui un corso Gratuito sull'Ascolto Attivo Sonoro


Principali risultati

Considerando la diversità degli approcci di musicoterapia, sono stati distinti i programmi di musicoterapia improvvisativa ed educativa forniti ai giovani con ASD e altri NDD. 

Per quanto riguarda la musicoterapia educativa, i nostri risultati supportano un effetto positivo della musicoterapia educativa sui bambini con NDD, in particolare sui pazienti con ASD e/o ID. 

Si notano due limitazioni principali nei risultati ottenuti per i bambini con ASD. In primo luogo, solo uno studio ha utilizzato i sintomi principali dell'ASD come risultato primario , con difficoltà a generalizzare i risultati. In secondo luogo, i risultati per migliorare l'attenzione congiunta sono contrastanti. 

È difficile stabilire se gli interventi di musicoterapia educativa siano inefficaci o se questi effetti siano difficili da dimostrare. 

In effetti, le misure di attenzione congiunta sono raramente standardizzate, mettendo in dubbio la loro validità.

Gli studi che valutano l'effetto della musicoterapia educativa sulle abilità linguistiche e comunicative nei bambini con ASD hanno riportato tre risultati principali. In primo luogo, è stato osservato 

un effetto significativo sull'apprendimento delle parole target in base alle capacità di imitazione. 

In secondo luogo, uno studio ha mostrato che le sessioni di musicoterapia educativa erano 

associate a miglioramenti in diverse componenti del linguaggio orale (fonologia, semantica, prosodia e pragmatica) .

In terzo luogo, è stato osservato un effetto positivo per il gruppo di musicoterapia rispetto al gruppo senza trattamento.


Per quanto riguarda la musicoterapia improvvisativa, abbiamo trovato pochi risultati empirici a sostegno di un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia improvvisativa sui giovani con NDD, 

ma alcuni risultati sembrano interessanti per i bambini con ASD e/o ID. 

Lo studio metodologicamente più solido condotto da Bieleninik, Geretsegger non ha riportato un miglioramento significativo dell'outcome primario (ADOS) e un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia solo su alcuni esiti secondari. 

Tuttavia, hanno osservato un effetto significativo sul sottogruppo di partecipanti con ASD e ID. 

In un'analisi secondaria basata su quali aspetti della musicoterapia improvvisativa prevedessero un miglioramento, gli autori hanno eseguito una microanalisi delle sessioni di videoterapia 

e hanno mostrato che un alto livello di adattamento relazionale tra il bambino e il terapeuta era un forte predittore di esiti positivi 

Questi autori hanno concluso che l'intervento è più efficace quando il terapeuta adotta uno schema relazionale simile a quello del bambino. 

Un'ipotesi simile è stata formulata da Rainey Perry in base al loro lavoro con bambini con disabilità gravi e multiple. Il terapeuta utilizza una modalità relazionale che si adatta al "profilo comunicativo" del bambino per fornire al bambino opportunità di rispondere alle interazioni.

La scelta degli esiti primari negli studi rivisti dovrebbe essere discussa. Nello studio condotto da Bieleninik, Geretsegger, l'esito primario era il punteggio dell'affetto sociale dell'ADOS a 5 mesi (vale a dire, che comprendeva le interazioni sociali reciproche problematiche e la comunicazione). Tuttavia, l'ADOS è uno strumento diagnostico che non è stato specificamente progettato per valutare le variazioni della gravità clinica nel tempo. Tuttavia, gli studi che hanno utilizzato scale cliniche come SRS o CARS per tenere traccia dei cambiamenti nella gravità dei sintomi autistici non hanno presentato risultati significativi. 

Tuttavia, diversi studi rivisti hanno mostrato un effetto positivo delle sessioni di musicoterapia improvvisativa su bambini con ASD o/e ID utilizzando misure di miglioramento clinico soggettivo (ad es. CGI) e il livello di funzionamento globale o qualità della vita. 

Infine, gli interventi musicali, inclusi i membri della famiglia, hanno esercitato un effetto più forte rispetto ad altri tipi di interventi per i giovani con ID. Questa scoperta è un possibile argomento a sostegno dell'inclusione della famiglia nelle sessioni di intervento di musica improvvisativa nei giovani con ID. Tuttavia, finora, per verificare questa ipotesi non è stato condotto alcun confronto diretto tra sessioni di terapia che comprendano o meno i familiari.

Per quanto riguarda i bambini con NDD diversi da ASD e/o ID, si possono fare due osservazioni dai dati preliminari sull'effetto della musicoterapia. In primo luogo, è stata segnalata una tendenza positiva per le sessioni di musicoterapia 

utilizzando il ritmo sulla lingua scritta dei bambini con dislessia

Tuttavia, il numero di studi e il numero totale di bambini inclusi ( n = 120) rimangono limitati. In secondo luogo, la qualità delle prove a sostegno di un effetto positivo della musicoterapia sui bambini con ADHD rimane scarsa.

Implicazioni

Quanto è utile l'aggiunta di sessioni di musicoterapia alla tradizionale cura dei bambini con NDD? 

Una serie di pregiudizi metodologici ci impedisce di trarre conclusioni definitive sulla base degli studi esaminati. 

Tra le diverse combinazioni di sessioni di musicoterapia e le caratteristiche cliniche dei pazienti testati, 

è stato osservato un effetto più forte per l'uso della musicoterapia improvvisativa nei bambini sia con ASD che ID

Sebbene questi interventi non siano riusciti a ridurre significativamente il livello dei sintomi autistici nella maggior parte degli studi pubblicati, diversi autori hanno riportato un effetto positivo su altre dimensioni cliniche, 

sul livello generale di funzionamento (es. CGI) , e sulla qualità della vita.

In particolare, l'effetto è stato potenziato quando i membri della famiglia sono stati inclusi nelle sessioni.

previsioni...

Ulteriori studi sarebbero particolarmente ispirati per documentare i potenziali mediatori degli effetti terapeutici (es. età dei partecipanti; caratteristiche cognitive), oltre alle misurazioni dei sintomi clinici e del livello di funzionamento. 

Tra le altre ipotesi, le sessioni di musicoterapia potrebbero esercitare un effetto positivo aumentando la quantità e la qualità delle interazioni adulto-bambino. La relazione bambino-terapeuta potrebbe essere considerata come una relazione "sperimentale" per i bambini, in cui impara a sintonizzare i propri comportamenti con quelli degli adulti. 

Un'altra scoperta promettente che merita attenzione è l'effetto positivo della musicoterapia educativa sui bambini con dislessia, ma sono necessarie ulteriori ricerche per concludere qualsiasi effetto positivo definitivo. Per i bambini con altri NDD, sono necessari studi più sostanziali prima di poter trarre una conclusione sul valore del loro uso.

Link degli studi Riportati 

E' possibile reperire il link degli studi riportati con le ricerche riportate

Se ti è stato utile questo articolo

potrai trovare altri approfondimento sul BLOG MUSICOTERAPIAVIVA

Simone Rizzardi, Founder di MusicoTerapiaViva.it

Musicoterapista, Operatore e Consulente nel Benessere del suono.

Esperto di applicazioni della musica in contesti Clinici e di Crescita personale. Musicista

e appassionato della Valorizzazione dei Talenti delle persone